La caduta dell’Impero Romano

Print Friendly, PDF & Email

Il 4 settembre 476 D.C. il re Odoacre occupò Ravenna e fece abdicare l’imperatore Romolo Augusto, decretando la fine dell’Impero Romano d’occidente. Fu in questo periodo, che i cristiani approfittarono della debolezza del “sistema impero”, per iniziare ad imporre e dettare le loro leggi.

La caduta e la fine dell'Impero Romano
4 settembre 476 è la data con cui si identifica la caduta e la fine dell’Impero Romano d’Occidente

La cause della fine dell’Impero Romano

Tra le cause più probabili ma anche più marginali attribuibili alla presunta fine dell’Impero Romano (organismo politico che all’apparenza sembrava resistentissimo ma che in realtà presentava al suo interno numerosi punti di criticità latenti), è sicuramente quella dovuta alle invasioni barbariche provenienti dai fiumi Reno e Danubio. Se in quel momento l’Impero Romano, fosse rimasto forte e compatto, la resistenza dei romani sarebbe stata di gran lunga superiore rispetto agli avversari ed avrebbe fronteggiato al meglio i popoli invasori.







Un’altra probabile causa, della sua caduta, è da attribuirsi probabilmente alla diffusione del Cristianesimo: in quel periodo i romani persero la verve combattiva che li caratterizzava, dopo il decadere dei loro culti pagani.

Un altro fattore da prendere in considerazione è sicuramente la crisi economica che in quel periodo provocò la nascita di un’economia chiusa, quella del latifondo, portando alla totale mancanza di scambi commerciali tra la città e campagna, con successivo aumento spropositato dei prezzi, dell’inflazione e che successivamente, portò a carestie.

La pressione poi di popoli invasori stranieri come gli Unni e i Visigoti dette il colpo di grazia definitivo ad una società già precaria, insieme: alle guerre, alle carestie e alle successive epidemie. Oltretutto in quel periodo, il potere del Senato e dell’Imperatore vennero a decadere perdendo tutto il loro valore. Tutti e due, erano diventate delle figure mosse dalle mani gestite da un esercito potentissimo, che dettava le leggi e gestiva gli Imperatori a proprio piacimento . L’unica eccezione alla regola, fu rappresentata dall’imperatore Diocleziano che però non riuscì ad evitare la fine dell’Impero Romano ed il successivo avvento del Cristianesimo.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante