La famiglia Karnowski (Singer)

Print Friendly, PDF & Email

singer – non la macchina da cucire

di israel j. singer ho già parlato recentemente.
ho letto in questi giorni di vacanza [mia, non vostra, lo so], la famiglia karnowski – newton compton 2015 (ma adelphi già l’aveva pubblicato) e yoshe kalb – newton compton 2015.
non c’è niente da dire. io che non sono super fan della letteratura ebraica e non mi riesco ad appassionare all’osannato philip roth, anche se capisco perché c’è chi sì. un po’ come murakami in fondo. sto perdendo il filo della frase, ricomincio.







La famiglia Karnowski (1943, Israel Joshua Singer)
La famiglia Karnowski (1943, Israel J. Singer) – Copertina dell’edizione Newton Compton del 2015, con introduzione di Moni Ovadia

io che blablabla, ho adorato questi libri. forse più i karnowski, dove viene presentato – in tutto il suo orrore – il crescere di quel nuovo ordine che forse dovrei scrivere con le maiuscole ma la tastiera si rifiuta. e le migrazioni, quelle che ancora si potevano fare, e l’ammeriga dove tutti han dei parenti e una comunità e non ti rendi conto cazzo, che ti ha salvato la vita? no. ma anche tutto quello che viene prima, la donna indipendente e quella che s’innamora. solomon che capisce le cose prima, figlioli prodighi e meno prodighi. bello.
poi yoshe, più enigmatico forse. in breve è uno che c’ha dei sensi di colpa grandi così e cerca di espiarli e gli viene bene ma non benissimo.

ma tipo a voi non viene un po’ di dispiacere a pensare che suo fratello ha preso il nobel e lui no? cioè, facendo lo stesso mestiere. però vabbe’ è morto prestissimo, la guerra non era manco finita. poarì. ma poi, anche la sorella scrittrice. che ansia.
fortuna che mio fratello fa il piercer.







Aiutaci a farci crescere. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Arlec

Arlec

giro le pagine - solo così posso andare avanti è il nome della rubrica di arlec. arlec legge perché le piace. nella sua rubrica ci sono note sparse su quello che legge, che non sono proprio recensioni, ma pensierini.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante