Differenza tra evaporazione ed ebollizione

Print Friendly, PDF & Email

Parlando di fenomeni fisici, molto stesso vengono utilizzati i termini evaporazione ed ebollizione. Vediamo quali sono le principali differenze tra le due parole.

Acqua che bolle - evaporazione ed ebollizione
Acqua che bolle ed evapora

Evaporazione

Per evaporazione si intende un processo fisico dove viene messo in evidenza il passaggio dallo stato liquido a quello aeriforme (gas o vapore) che coinvolge la sola superficie del liquido. In questo caso, vengono coinvolti solo gli strati superficiali ed il processo avviene a qualsiasi temperatura in cui si trova il nostro liquido. Nel caso dell’evaporazione, una molecola evapora dalla superficie liquida, abbandonando il liquido stesso, passando allo stato gassoso solo se acquista energia cinetica sufficiente a sfuggire; il che avviene in maniera del tutto casuale e secondo le leggi dettate dalla fisica. Più elevata risulta l’evaporazione del liquido, maggiore risulterà la diminuzione di temperatura che ne consegue. Differente è invece il fenomeno dell’ebollizione.







Ebollizione

Per ebollizione si intende il processo fisico in cui si ha la vaporizzazione che coinvolge l’intera massa del liquido. Tale processo consente il formarsi di bolle, che risalendo in superficie, sfuggono attraverso essa. A differenza dell’evaporazione, l’ebollizione coinvolge tutto il volume del liquido e il relativo valore di tale temperatura dipende dalla pressione esterna al liquido. Se si vuole portare allo stato di ebollizione un liquido, si aumenta sensibilmente la temperatura e di conseguenza se ne abbassa la relativa pressione.

Temperatura di ebollizione

Importante infatti è la temperatura di ebollizione, una caratteristica di una sostanza pura o miscuglio, denominata punto di ebollizione, caratterizzata dai valori di temperatura e pressione in cui coesistono le fasi liquida e aeriforme. Ogni liquido, infatti, possiede una sua temperatura di ebollizione, definita in modo esatto. Inoltre, la temperatura di ebollizione varia in presenza di sostanze disciolte nel liquido in esame. All’aumentare della temperatura, la tensione di vapore aumenta; a parità di pressione, scaldando un liquido che non si trova ancora nello stato di ebollizione, lo si porta in ebollizione; mentre viceversa, se si raffredda un liquido in ebollizione, l’ebollizione termina di esistere.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Stefano Moraschini

Stefano Moraschini

Stefano Moraschini si occupa di web dal 1999. Legge e scrive su, per, in, tra e fra molti siti, soprattutto i suoi, tra cui questo. Quando non legge e non scrive, nuota, pedala e corre. Oppure assaggia vini, birre e cibi. Fa anche altre cose, ma sono meno interessanti. Puoi metterti in contatto con lui su Google+, Twitter, Facebook e Instagram.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante