Costellazioni Familiari: cosa sono, come funzionano

Print Friendly, PDF & Email

Ognuno di noi nasce in un contesto familiare che influenza comportamenti ed attitudini anche in età adulta. Alcune dinamiche familiari si trasmettono di generazione in generazione e sono all’origine di malesseri sia fisici che psicologici. Le Costellazioni familiari partono dal presupposto che vi sia una stretta correlazione tra il corpo e la psiche. Agendo sui blocchi fisici e psicologici, questo metodo di guarigione mira alla risoluzione di problematiche e disturbi connessi alle dinamiche familiari.

Costellazioni familiari
Costellazioni familiari

Le Costellazioni familiari si pongono l’obiettivo di rendere le persone consapevoli di poter risolvere in maniera definitiva i blocchi esistenti nella propria vita: la consapevolezza è un requisito che caratterizza la maggior parte delle discipline olistiche.

Un po’ di storia

Il fondatore delle Costellazioni familiari è uno psicologo tedesco, Bert Hellinger. Le sue teorie cominciarono a diffondersi a partire dal 1980, influenzando alcuni studiosi che vennero dopo di lui e approfondirono l’argomento (vedi la francese Anne Schutzenberger). Secondo Bellinger la nostra vita è influenzata da tutto ciò che i nostri antenati hanno subito in passato. Per fare un esempio pratico, può essere che se le donne antenate della famiglia hanno subito vessazioni da parte dei mariti il soggetto si troverà a vivere (anche se con modalità diverse) ed accettare una situazione simile.

Ciascuno di noi fa parte di una famiglia con cui vive ed a cui è legato, che lo voglia o meno.
Spesso continuiamo a ripetere conflitti e malesseri nelle nostre esperienze, oppure portiamo sulle spalle pesi che non ci appartengono. O anche, viviamo a nostra insaputa il tragico destino di un familiare, scomparso da tanto tempo e mai conosciuto.
Tutte queste dinamiche ci legano in modo negativo alla famiglia, impedendoci di guardare in avanti con forza gioiosa e di avere successo nella nostra vita. (Bert Hellinger)

Le ragioni di tale inspiegabile accettazione andrebbero appunto ricercate nel contesto familiare. Le dinamiche inconsce che si trasmettono di generazione in generazione fanno sentire la loro influenza in ogni contesto della vita: salute, rapporto con il denaro, salute, rapporto di coppia.

In cosa consiste il metodo

La consapevolezza dell’esistenza di blocchi familiari favorisce la guarigione non solo del singolo individuo, ma anche di tutti i membri della stessa famiglia. Esistono diverse interpretazioni circa le modalità di azione delle Costellazioni familiari (ogni scuola adotta il metodo in base a proprio orientamento), ma in genere il soggetto viene invitato ad osservare come vengono rappresentati scenicamente i livelli inconsci che portano alla scoperta del disagio e alla sua risoluzione.

Quando il disagio viene individuato e portato a galla si procede alla reintegrazione dell’elemento che manca oppure si rimette ordine nel sistema che ha perduto il suo originario equilibrio. Una volta riconosciuto il blocco viene rielaborato a livello coscienziale e poi assimilato dal soggetto: in questo modo comincia il percorso che conduce alla completa e definitiva guarigione.







Le Costellazioni familiari vengono inquadrate come metodo sistemico in quanto prendono in considerazione un sistema, quale appunto la famiglia, in cui i singoli membri sono in funzione l’uno dell’altro. Proprio questo approccio sistemico consente di individuare legami e connessioni tra i membri di una stessa famiglia quando si intraprende una terapia con le costellazioni familiari.

Gli Ordini dell’Amore

Hellinger individuò i c.d. “Ordini dell’Amore”, ossia ordini fissi che servono a mantenere in equilibrio la struttura familiare assicurandone la sopravvivenza. Tale ordine potrebbe essere paragonato ad una sorta di “karma familiare”, in base al quale ogni torto subito da un antenato viene compensato da chi viene dopo.

In pratica, se nella famiglia vi è stato un membro “escluso” i successori devono riconoscerlo e in seguito riscattarlo e difenderlo. Uno dei membri della famiglia, in particolare, si identificherà con il componente “escluso” ed infatti si ritroverà a vivere un destino simile oppure subirà una morte precoce. Gli Ordini dell’Amore dovrebbero essere sempre rispettati per evitare ogni squilibrio, altrimenti possono provocare conflitti familiari e problemi vari.

Costellazioni familiari

Come si svolge una seduta di Costellazioni familiari

Il metodo delle Costellazioni familiari prevede una serie di sedute nelle quali un gruppo di soggetti rappresenta la propria costellazione. La seduta si svolge appunto in gruppo: i partecipanti si dispongono a cerchio e tra di loro vi è anche un facilitatore, di solito un professionista in campo psicologico, che ha il compito di agevolare l’approccio tra i membri. Al facilitatore spetta formulare la domanda di apertura della seduta, focalizzando l’argomento di cui si vuole trattare.

Dopo aver ottenuto le risposte, il facilitatore procede con la messa in scena, invitando il soggetto individuato a scegliere, tra i presenti, un rappresentante di se stesso e di un suo antenato. Il soggetto si siede accanto al facilitatore/conduttore del gruppo e resta in silenzio a guardare gli altri partecipanti che rappresentano i vari componenti della famiglia.

Il conduttore procede ad interpellare i vari partecipanti alla messa in scena, infine invita il soggetto interessato a prendere il posto del proprio rappresentante. Questo serve a riportare equilibrio sia nel singolo individuo che nella famiglia. Le Costellazioni familiari portano il soggetto ad intraprendere un percorso di trasformazione interiore che però il più delle volte avviene a livello inconscio e non razionale.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Loading...
Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l’Università di Bari e l’Ordine dei Giornalisti di Puglia.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante