Alla Musa: parafrasi

Print Friendly, PDF & Email

Il sonetto “Alla Musa” fu composto da Foscolo tra il 1802 e il 1803. Il poeta, nel sonetto, lamenta alla Musa il fatto che nell’età giovanile era stata generosa con lui, dandogli ispirazione. In età adulta, invece, lo ha abbandonato.

Alla Musa è un celebre sonetto di Ugo Foscolo
Alla Musa : celebre poesia di Ugo Foscolo composta tra il 1802 e il 1803

Il sonetto si divide in due parti. La prima, come anticipato, dove il poeta si lamenta per la scarsa ispirazione che gli dà la Musa. La seconda parte, dove il poeta confessa che quel poco d’ispirazione non basta a sfogare il dolore che prova. Si tratta di una meditazione di ispirazione classica. Questo è uno dei sonetti maggiori dell’opera di Ugo Foscolo.

Alla Musa

Pur tu copia versavi alma di canto
su le mie labbra un tempo, Aonia Diva,
quando de’ miei fiorenti anni fuggiva
la stagion prima, e dietro erale intanto

questa, che meco per la via del pianto
scende di Lete ver la muta riva:
non udito or t’invoco; ohimè! soltanto
una favilla del tuo spirto è viva.







E tu fuggisti in compagnia dell’ore,
o Dea! tu pur mi lasci alle pensose
membranze, e del futuro al timor cieco.

Però mi accorgo, e mel ridice amore,
che mal ponno sfogar rade, operose
rime il dolor che deve albergar meco.

Parafrasi

Eppure, dice il Foscolo, tu, Aonia Musa, una volta sulle mie labbra versavi un’abbondanza vivificatrice d’ispirazione, quando passava il primo tempo della giovinezza, e intanto ad essa seguiva l’età matura, che fra pianti e dolori discende verso la silenziosa riva del Lete, ovvero verso il silenzio della morte. Ora imploro il tuo aiuto, anche se non sono ascoltato come un tempo; ahimè! Della tua ispirazione in me è rimasta solo una favilla, una minima parte.

Anche tu fuggisti, dice il poeta, insieme con le Ore, o dea! Anche tu mi lasci con i miei tristi ricordi e con l’oscuro timore del futuro. Perciò mi accorgo, e amore me lo conferma, che le poesie rare e troppo elaborate che compongo, non servono ad alleviare il dolore che fatalmente deve travagliarmi per tutta la vita.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Serena Marotta

Serena Marotta

Laureata in giornalismo, nata il 25 marzo 1976, Serena Marotta è anche scrittrice e poetessa. In passato ha collaborato con il “Giornale di Sicilia” e con “La Repubblica” e, attualmente, scrive articoli per il giornale “L’ora” e per questo sito, cura l’ufficio stampa della casa editrice Torri del Vento, del Caffè letterario Riso e dell’associazione Siciliae Mundi. Queste sono in sintesi, le notizie di base per redigere una qualunque biografia. Quello che non può essere né schematizzato né semplicemente elencato, è in primo luogo la passione che riversa in tutto ciò che fa. Il mondo osservato da due occhi verdi carichi di dolcezza e determinazione, una voce sublime che incanta, un’anima che grida attraverso parole che, considerati gli obiettivi che Serena è riuscita a raggiungere, assumono la caratteristica di concreti fatti.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante