Alcatraz, la storia

Print Friendly, PDF & Email

L’isola di Alcatraz, avvolta in un misterioso alone di storia e leggenda, si trova negli Stati Uniti (in California): per la precisione sorge nella Baia di San Francisco. Il nome “Alcatraz” in spagnolo significa “Sula”, che è un volatile marino che originariamente viveva sull’isola.

Alcatraz
Alcatraz

Altri soprannomi che si riferiscono ad Alcatraz sono: “The Bastion” (La fortezza), e “The Rock” (La Roccia). Il primo si riferisce all’impossibilità di fuggire dall’isola e il secondo alla composizione di questa, per la maggior parte formata da roccia.

Situata in una posizione strategica dal punto di vista militare a difesa della baia, l’isola di Alcatraz diventa una prigione militare nel 1933, poi nell’estate del 1934 si trasforma in un carcere federale di massima sicurezza, diventato famoso in tutto il mondo per la ferrea disciplina vigente al suo interno. In questo istituto penitenziario vengono rinchiusi criminali particolarmente pericolosi o che hanno tentato di evadere da altre carceri.

Ad Alcatraz i detenuti sono costretti a vivere in celle anguste, e chi viene punito è rinchiuso in celle di isolamento fredde e prive di luce, situate nei sotterranei della vecchia fortezza. A differenza di ciò che succede in altre carceri americane, ad Alcatraz viene servito cibo di ottima qualità, per impedire lo scoppio di disordini o rivolte da parte dei detenuti all’interno del refettorio. Pare che in sala mensa, sul soffitto, vi sia un meccanismo in grado di sprigionare gas all’occorrenza.

L'isola di Alcatraz
L’isola di Alcatraz

Nonostante le regole severe e intransigenti, ad Alcatraz si cerca sempre di non suscitare il malcontento dei carcerati, evitando soprattutto di dare spazio ai soprusi da parte degli addetti alla sorveglianza (un problema che invece si riscontra in quasi tutti gli istituti penitenziari!). Nelle celle non sono ammessi giornali, radio e televisione. Le visite non sono concesse con facilità, ed anche il lavoro è un privilegio concesso a pochi.

Tra i detenuti famosi che hanno varcato la soglia di Alcatraz vi è Al Capone, che lascia l’isola dopo cinque anni di isolamento, riportando gravi problemi mentali. Siccome la proporzione è di una guardia ogni tre detenuti, scappare da questo carcere è un’impresa praticamente impossibile (su 1500 carcerati solo trentasei hanno tentato di fuggire, e di essi trentuno sono stati ripresi).







Il 2 maggio 1946 all’interno del penitenziario scoppia una sanguinosa rivolta dei detenuti contro le guardie carcerarie, denominata “Battaglia di Alcatraz”. Nel violento scontro perdono la vita tre detenuti e due guardie: la rivolta viene placata grazie all’intervento dei Marines.

Il carcere di massima sicurezza di Alcatraz è stato descritto da scrittori e registi, molti dei quali si sono ispirati ad episodi realmente accaduti.

La prima evasione da Alcatraz

Alcatraz: una foto dell'interno
Alcatraz: una foto dell’interno

L’11 giugno del 1962  i tre detenuti Fanck Morris e i fratelli Clarence e John Anglin mettono in atto una fuga spettacolare, organizzando l’evasione in maniera precisa molto tempo prima. Dei tre solo due riescono nell’impresa, e di essi da allora non si hanno più notizie, né sono stati ritrovati i corpi. Secondo i responsabili del carcere i fuggiaschi sono morti nelle fredde acque della baia di San Francisco senza riuscire a mettersi in salvo. Tale episodio è stato raccontato nel celebre film “Fuga da Alcatraz”, interpretato dall’attore Clint Eastwood.

Una struttura così grande (formata da ben quattro bracci indipendenti) comporta notevoli difficoltà di gestione degli spazi e del personale. Inoltre, per la sua posizione scomoda, anche l’approvvigionamento dei viveri diventa difficoltoso.

La chiusura

Per queste ragioni economiche, ma anche per i problemi ambientali che comportano il suo mantenimento, il 21 marzo 1963 il procuratore generale Robert Kennedy ordina la chiusura del carcere.

Alcatraz oggi

Oggi il carcere di Alcatraz è disponibile per le visite turistiche guidate. Qui è possibile trovare documenti e testimonianze riguardanti gli anni di attività del carcere in una specie di piccolo museo aperto ai turisti tutto l’anno. Se si decide di visitare l’isola in estate è preferibile prenotare con largo anticipo. Il traghetto parte dal molo di San Francisco.







Aiutaci. Se ti è stato utile, segnala questo articolo

Print Friendly, PDF & Email
Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci

Cristiana Lenoci è laureata in Giurisprudenza e specializzata nel campo della mediazione civile. La sua grande passione è la scrittura. Ha maturato una discreta esperienza sul web e collabora per diversi siti. Ha anche frequentato un Master biennale in Giornalismo presso l’Università di Bari e l’Ordine dei Giornalisti di Puglia.

L'articolo è interessante?
Lascia un commento per favore. La tua opinione è importante